印刷する
Condividi

Economia & Mercati

Economia & Mercati - 2° trimestre 2018

06/04/2018

Keith Wade

Keith Wade

Chief Economist and Strategist

Dopo aver battuto ogni record con 15 mesi consecutivi di guadagni, a febbraio e marzo l'S&P 500 è tornato a fare i conti con la volatilità, chiudendo il primo trimestre con una perdita dello 0,8%. Più in generale, i mercati azionari delle economie sviluppate hanno stentato a causa dell'andamento negativo delle principali borse europee e giapponesi. I listini dei mercati emergenti hanno registrato risultati migliori, grazie ai solidi rialzi di Russia e Brasile e ai rincari delle materie prime. Più contrastato il quadro sui mercati obbligazionari, con
i Treasury USA in perdita a fronte dei rendimenti positivi evidenziati dai titoli di Stato europei ed emergenti.

Per molti aspetti il ritorno della volatilità sui mercati azionari è uno sviluppo gradito dopo una lunga fase di calma anormale, e a nostro parere rispecchia il riconoscimento di un ritorno alla normalità dell'economia mondiale e dunque della politica monetaria. Anche l'andamento dei rendimenti riflette in qualche misura la natura asincrona dei cicli economici e della politica monetaria, con Europa, Asia e mercati emergenti alle spalle degli Stati Uniti.

Ciò detto, tutti gli investitori sono turbati dal crescente orientamento protezionistico dimostrato dal Presidente Trump e dal rischio di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina: ci aspettiamo che prevalga il buon senso e
che una guerra commerciale venga evitata, ma siamo entrati in una fase difficile in cui i negoziati commerciali e dunque le dinamiche politiche alimenteranno la volatilità.

L'altro interrogativo chiave per gli investitori riguarda la traiettoria futura dei tassi d'interesse.

Leggi tutto

0 pagine | 651 kb

DOWNLOAD